Privacy Policy Vitamina K2 contro la Calcificazione Arteriosa - Farmacista Nutrizionista a Rimini
vitamina k

Vitamina K2 contro la Calcificazione Arteriosa

Perché la vitamina k2 può aiutarti contro la calcificazione arteriosa, uno dei più gravi problemi per la tua circolazione?

Indice

1) A cosa serve il sangue?

2) Il trombo, tutto quello che devi sapere

3) I rischi di cardioaspirina, coumadin e sintrom

4) Differenze tra vitamina k1 e k2

5) I rischi del Calcio

6) Vitamina K2 perché è importante?

1) A cosa serve il sangue?

Tutti sappiamo quali sono le funzioni del sangue all’interno del nostro corpo: 

  • Trasportare l’ossigeno dai polmoni ai tessuti e contemporaneamente riportare indietro l’anidride carbonica, 
  • Alimentare i tessuti con i nutrienti estratti dal cibo durante la digestione.
  • Eliminare le scorie metaboliche e i rifiuti trasportandoli agli organi emuntori (il rene e l’intestino crasso).
  • Trasportare ormoni, componenti del sistema immunitario ed eventualmente gli elementi della coagulazione. 

Il sangue è trasportato attraverso i vasi sanguinei, ovvero un sistema di tubi elastici in cui circola il sangue grazie alla forza propulsiva del cuore.

I vasi sono le arterie (che trasportano il sangue ricco di ossigeno, salvo eccezioni come le arterie polmonari e le arterie ombelicali) e le vene (che trasportano il sangue privo di ossigeno dai tessuti al cuore, salvo eccezioni come le vene polmonari e le vene ombelicali).

2) Il trombo, tutto quello che devi sapere

Il trombo è un coagulo di sangue che si forma nei vasi sanguigni. Nei vasi arteriosi può formarsi su lesioni dovute a depositi di grasso e calcificazioni della parete vasale.

Nei vasi venosi si forma in presenza di varici che provocano ristagno di sangue e rallentamento del circolo 

Se un vaso sanguigno viene ostruito dal coagulo di sangue, definitotrombo, si determina una riduzione dell’afflusso di sangue che impedisce il corretto funzionamento degli organi vitali determinando conseguenze anche gravi.

Se invece un trombo si stacca dalla parete del vaso viene trasportato dal flusso sanguigno e si può fermare a livello di un vaso di piccolo calibro interrompendo la circolazione. Questo processo si chiama embolia.

Fattori di rischio sono il diabete mellito, l’ipertensione arteriosa e l’ipercolesterolemia.

3) I rischi di cardioaspirina, coumadin e sintrom

Fortunatamente esistono tre modi per agire farmacologicamente sulla coagulazione del sangue (trattamenti “antitrombotici”): 

  • Terapia Antiaggregante (es. acido acetilsalicilico e clopidogrel). Si punta a diminuire l’adesività delle piastrine ai vasi e tra di loro.
  • Trattamento Anticoagulante (es. warfarin, acenocumarolo ed eparina). Si interrompe il processo che porta a coagulazione.
  • Trattamento Fibrinolitico. Si aiuta l’organismo a sciogliere i coaguli di sangue.

Sono molto efficaci ma abbondano le controindicazioni e gli effetti collaterali. Ad esempio l’acido acetilsalicilico (conosciuto anche come cardioaspirina) è ottimo in Pazienti che abbiano avuto un evento cardiovascolare mentre in prevenzione primaria i rischi riguardanti sanguinamenti a livello gastrointestinale ed intracranico bilanciano i benefici, il warfarin (conosciuto come coumadin) richiede frequenti monitoraggi (inizialmente anche 1-2 alla settimana) e può dare emorragie indesiderate ed interazioni con alimenti e medicinali (antibiotici, antifungini, antivirali, antiinfiammatori, antidepressivi, farmaci contro la gotta, farmaci contro il bruciore di stomaco ecc. ecc.), l’acenocumarolo (conosciuto come sintrom) interagisce con allopurinolo (farmaco che cura la gotta), antiaritmici, antidiabetici, barbiturici ecc. ecc.

Pertanto, se siete in terapia antitrombotica è fondamentale, prima di prendere qualsiasi medicinale, erba, integratore… contattare il vostro Medico o Farmacista di fiducia, per evitare qualsiasi problema.

Ma ancor meglio sarebbe cercare di non dover ricorrere a medicinali antitrombotici ma di prevenire il problema.

Alcuni accorgimenti che mi permetto di consigliare:

  • Stop al fumo. Il fumo, tra le tante cose attiva l’aggregazione piastrinica.
  • Attività fisica regolare. L’attività fisica favorisce i processi fibrinolitici ed aiuta a prevenire la trombosi. 
  • Una corretta alimentazione aiuta a prevenire la formazione delle placche aterosclerotiche.

Fondamentale è il ruolo della vitamina K

4) Differenze tra Vitamina K1 e K2

Molte persone, anche molti colleghi, confondono le vitamine K1 e K2 perché fino al 2006 la FDA le ha classificate indistintamente come “Vitamina K” anche se il corpo reagisce in maniera diversa, questo perché la struttura chimica è uguale eccetto la lunghezza delle catene laterali.

La “K” inizialmente stava a significare “koagulation” ovvero l’effetto della K1, la K2, quella che ci interessa oggi, ha un uso totalmente diverso.

5) I rischi del Calcio

Probabilmente sin da bambini vi avran detto che serve il calcio per avere delle ossa forti.

Molto probabilmente quello che nessuno, tranne il sottoscritto, ti ha mai detto è che lo stesso calcio quando finisce nelle arterie può restringere i vasi sanguigni e crearvi enormi problemi!

La vitamina K2 agisce assieme a magnesio e vitamina D e serve a convogliare il calcio nelle ossa, aumentandone la densità minerale e ostacolando le fratture, e al tempo stesso previene e rimuove la pericolosa calcificazione delle arterie.

Questo è molto importante per la vostra salute!

6) Vitamina K2 perché è importante?

La vitamina K2 attiva un numero di proteine speciali che spostano il calcio all’interno del corpo.

In particolare mette in azione una proteina chiamata osteocalcina, che lega il calcio nelle ossa e nei denti, dove c’è bisogno di calcio.

La vitamina K2 attiva un’altra proteina, nota come proteina GLA della matrice (o MGP, dall’inglese Matrix GLA protein), che spazza via il calcio da tessuti come le arterie, le vene e la pelle, dove il minerale è dannoso.

Perciò non solo previene l’aterosclerosi, ma distrugge le pericolose placche nelle arterie. Alcuni studi condotti sugli animali mostrano una diminuzione del 37% del calcio presente nelle arterie dopo sole sei settimane di dieta ricca di vitamina K2.

In pratica la vitamina K2 è la “navetta” che convoglia il calcio dove serve, se sei carente finisce nelle arterie e le calcifica.

Fonte Dott.ssa Livia Emma

Come avrai notato la vitamina K2, quella importante per evitare la calcificazione arteriosa e quindi il trombo si trova soprattutto in alimenti di origine animale, solamente gli animali sono infatti in grado di trasformare tutti i tipi di vitamina K in vitamina K2.

Purtroppo quando abbiamo tolto gli animali dai pascoli e abbiamo iniziato a privilegiare l’allevamento in stalla, inconsapevolmente abbiamo rimosso la vitamina K2 dalla nostra dieta (i cereali contengono una minima parte del precursore della vitamina K2) e pertanto è molto facile esserne carenti. 

Un piccolo trucco per riconoscere se un animale è stato allevato ad erba o meno è guardare il grasso, tanto più è giallognolo-arancione quanto è maggiore la quantità di erba di cui si è nutrito.

La carne di animali allevati solamente al pascolo è definita “grassfed”.

Un altro ostacolo al corretto assorbimento della vitamina K2 sono le interazioni con numerosi medicinali.

Infatti antibiotici, statine, alendronato, diete low fat, orlistat, medicinali per perdere peso e medicinali a base di estrogeni come le pillole contraccettive possono ridurre l’assorbimento della vitamina K2

Molto frequenti sono bassi valori di vitamina K (e D) nelle persone con patolgie intestinali infiammatorie (Chron o Colite ulcerosa) e nei celiaci.

Conclusione

Bene, abbiamo visto quali sono le differenze tra vitamina K1 e K2 e perché la seconda è importante per la vostra salute.

Ora voglio farti alcune domande: conoscevi la differenza tra vitamina K1 e K2?

Pensi di assumere abbastanza K2 nella tua dieta?

In questo articolo abbiamo scoperto la differenze tra vitamina K1 e K2 e a cosa servono ma tieni presente che le informazioni nozionistiche che trovi gratis su Internet non servono a nulla.

Viviamo nell’epoca dell’eccesso di informazione.

Con 2 click su Google puoi avere accesso a ogni tipo di informazione e nozione. 

Ma tutto ciò è assolutamente inutile se non sai cosa fartene di queste informazioni.

Sicuramente questo articolo ti sarà utile ma ora non hai alcuna idea di che utilizzo fare di queste fondamentali di informazioni per il tuo dubbio sulle funzioni della vitamina K2

Quindi

Se hai bisogno di una consulenza approfondita sono disponibile per Consulenze Nutrizionali e/o Nutraceutiche Personalizzate (ANCHE ONLINE!)

Compila il modulo ricordandoti di lasciare il numero di telefono a cui sarà mia premura ricontattarti. (Tutti i tuoi dati saranno gestiti rispettando la tua privacy)

Cerchi un Farmacista esperto in Nutrizione in grado di darti un aiuto mirato per i tuoi problemi di salute e benessere? mi trovi qui:

Bibliografia

Fonti generali per tutti gli articoli di questo blog sono i volumi consigliati dai Docenti dei corsi di laurea che ho frequentato all’universita, mentre per approfondire durante la stesura di questo articolo ho consultato le seguenti pubblicazioni:

Dott. Federico Mulazzani

Farmacista & Nutrizionista titolare di "Farmacista Nutrizionista" esercizio farmaceutico situato a Rimini in Via Dante 13 Nella stessa sede svolgo attività libero professionale su appuntamento come <strong>Nutrizionista </strong> Prenota la tua <a href="https://www.farmacistanutrizionista.it/nutrizionista/">Consulenza Nutrizionale. <strong>(anche Online)</strong></a>

Rispondi